mercoledì 23 agosto 2017

Big Love di Jay Crownover, recensione in anteprima!

Ciao a tutte,
oggi parliamo in anteprima di Big Love, secondo libro della serie Welcome to the Point di Jay Crownover, in uscita per noi grazie alla Newton Compton domani 24 agosto.
Se Bax ci aveva dimostrato che è sempre “meglio quando lui è cattivo”, ecco che arriva Race a contraddirlo e a dimostrarci che è anche meglio “quando lui è audace”. Insomma, la nostra Jay ce ne fa provare di tutti i gusti. Quindi non perdiamo tempo e andiamo a vedere di cosa parla questa seconda tormentata storia nata a The Point..

Virtuous Titolo: Big Love
Autore:
Jay Crownover
Serie: #2 Welcome to the point
Editore: Newton Compton

Data: 24 Agosto 2017
Genere: contemporary romance
Categoria: bad boy, crime
Narrazione: prima persona, pov alternati
Finale: No cliffhanger
Coppia: Race, capo della malavita di The Point; Brysen, stundentessa perseguitata da uno stalker.



Che differenza c’è tra un cattivo ragazzo e un ragazzo che fa il cattivo? Quando ti muovi in un mondo oscuro e corrotto, per dominare la situazione non devi mai mostrare di aver paura. Solo così potrai controllare strade e persone senza scrupoli. Race Hartman è sufficientemente coraggioso, intelligente e sbandato per diventare il capo di un posto come The Point. Dove ci saranno sempre cattivi e cose brutte da mettere in riga, ma in cui un uomo forte può ridurre i danni al minimo. Race ha un piano… riuscirà a impedire l’annientamento totale di quel luogo senza distruggere se stesso? Brysen Carter ha sempre visto Race per quello che è davvero: un ragazzo bello, dolce, ma troppo pericoloso. La tentazione di crogiolarsi nel suo bagliore dorato è forte, ma Brysen sa che finirebbe per scottarsi. Ha già tanti problemi, non ha certo bisogno di crearsene altri a causa di Race. Ma quando Brysen deve affrontare una minaccia che potrebbe essere la cosa più pericolosa che The Point abbia mai prodotto, è costretta a prendere una decisione: perché l’unica persona che potrebbe aiutarla a salvarsi è proprio l’uomo che lei non può permettersi di avere.


“Ci sono degli uomini che semplicemente non si possono ignorare.
Come se tutti gli altri intorno a loro si muovessero al rallentatore;
come se in un mondo in bianco e nero loro fossero l’unica macchia di colore,
l’unica cosa che si sposta in una stanza immobile.”

Race ha rischiato tanto, ma finalmente è riuscito in quello che ha sempre sognato: essere il capo di The Point, acquisire quel potere che deriva dal tenere tutto sotto il proprio controllo e avere il diritto di vita e morte su tutto quello che respira The Point. Eppure sono passati solo pochi mesi da quando ha ottenuto tutto questo ma è venuto a patti con una dura verità: “Se uccidi Jessie James, non diventi Jessie James.”
Quindi eccolo qui, alle prese con un posto che lo accetta come capo ma che fa fatica a rispettare questo suo ruolo. Qualcuno in città ha deciso di sfidarlo e lui dovrà scoprire chi è che minaccia il suo potere prima di uscirne ucciso o peggio. In tutto questo si inserisce anche la donna dagli occhi di ghiaccio che da mesi infesta i suoi sogni e le sue docce fredde: Brysen Carter. La migliore amica di Dovie è da sempre un punto fisso nella testa di Race, ma lei non lo degna di uno sguardo. Brysen è la classica studentessa modello viziata e piena di soldi e rappresenta tutto quello da cui Race è sempre scappato. Eppure non riesce a fare a meno di starle accanto, di guardarla e desiderarla. Così, quando scopre che è perseguitata da uno stalker non ci pensa due volte e fa di tutto per scoprire chi possa essere ed eliminare così questa minaccia dalla vita della bella regina di ghiaccio. Ma nel percorso alla verità è impossibile non notare che anche Brysen lo desidera e che tutto quello che fa o dice è solo una facciata per nascondere una semplice ragazza spezzata e ferita. Così da un lato assistiamo ai problemi di The Point e al modo in cui Race deve provvedere e risolvere tutto e dall’altro un presunto stalker attenta alla vita di Brysen, non permettendo a Race di distrarsi un attimo.
Race è il nuovo sovrano. Un sovrano astuto, intelligente e scaltro. Un sovrano a cui non piace uccidere e che difficilmente porta una pistola con sé. Race è nettamente diverso rispetto alla presentazione avuta nel primo libro. E’ più deciso e risoluto ed è un personaggio che indubbiamente conquista il lettore da subito.
Brysen è la principessa decaduta. Nonostante viva a The Hill, la parte ricca della città; la sua vita è tutto fuorchè perfetta. La madre è un alcolizzata, il padre non ha tempo per la famiglia e lei è l’unica che può occuparsi della sorellina sedicenne e a tutto questo si unisce la profonda attrazione che lei da sempre prova per Race, il fratello della sua migliore amica. Un attrazione che lei maschera con finto odio e acidità. Ma quando la sua vita è seriamente in pericolo è proprio a Race che si rivolge in cerca di aiuto, rimescolando nuovamente tutte le carte in tavola.
Rispetto alla storia di Bax e Dovie, dove la storia d’amore era centrale e The Point faceva da sfondo, adesso abbiamo una situazione inversa. Protagonista indiscusso del libro è proprio la vita meschina e povera di The Point a cui segue da sfondo la storia d’amore di Brysen e Race. Riusciamo a capire meglio tutto quello che c’è dietro a questo mondo, fatto di violenza, clandestinità e morte. A questo clima di terrore assistiamo all’incontro di due anime pure che cercheranno di mettere ordine nelle loro vite, nonostante il degrado in cui vivono.
La narrazione presenta una struttura compatta e ben delineata. Se in Bad Love viene sviluppato il lato psicologico dei suoi due protagonisti, qui invece assistiamo ad una cura maggiore ai problemi della città e un po’ meno all’aspetto descrittivo di chi ci vive. Paradossalmente in questo secondo romanzo è proprio Dovie il personaggio che è cresciuto di più, adattandosi perfettamente al mondo di The Point e all’essere la donna di un criminale, mentre per Brysen venire a patti con questa nuova realtà in cui guardarsi costantemente le spalle e avere paura che Race finisca nei guai non è naturale come una seconda pelle e la principale domanda che si pone è sempre la stessa: “Posso farcela anche io?”. Non vi resta che scoprirlo in questa seconda complita e meravigliosa storia nata tra i vicoli di The Point.

Federica












Nessun commento:

Posta un commento

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...